La credenziale del Camino de Santiago nel 2020 | Tutte le novità

Pellegrinaggio

La credenziale del Cammino di Santiago, che ha sostituito il documento consegnato ai pellegrini durante il Medioevo e che era utilizzato come salvacondotto, è un documento che accredita il viandante come pellegrino e certifica il suo passaggio ordinato dalle diverse località di uno qualsiasi dei percorsi giacobei.

32
La credenziale del Camino de Santiago nel 2020 | Tutte le novità
@ Álvaro Ballesteros

@ Álvaro Ballesteros

Lo fa mediante dei timbri che il pellegrino riunisce al suo passaggio da ostelli, municipi, parrocchie e finanche locali commerciali o bar, e che, all’arrivo a Santiago, fungono da garanzia per ottenere la Compostela, il testo ufficiale che certifica di aver effettuato il Cammino o coloro che abbiano percorso, almeno, gli ultimi 100 chilometri a piedi o a cavallo o gli ultimi 200 in bicicletta per motivi spirituali.

A forma di fisarmonica, la credenziale ufficiale del Cammino di Santiago include, nella sua prima pagina, i dati personali del pellegrino, uno spazio per il timbro dell’istituzione che consegna questo «passaporto» ed un altro per quello della cattedrale, che sarà compilato al completamento del percorso. Il resto delle pagine del documento dispongono di una serie di caselle in bianco che si timbrano man mano che si avanza nel tragitto. Presso l’Ufficio del Pellegrino –il luogo dove si preleva la Compostela all’arrivo a Santiago- si esige di aver riunito come minimo un timbro al giorno, due nel tratto galiziano del Cammino se si fa a piedi (gli ultimi 100 chilometri) o negli ultimi 200 se si fa in bicicletta. Per ottenere la Compostela non è necessario aver realizzato il Cammino in modo continuativo nel tempo, anche se sì geograficamente. Ovvero, i pellegrini possono effettuare una tappa dell’itinerario e poi, in un secondo momento, riprendere il percorso e continuare a timbrare la loro credenziale del Cammino di Santiago nel punto in cui l’avevano lasciato. Non si considererà valido, tuttavia, saltare un tratto del Cammino e continuare a timbrare in un punto diverso.

Dove ottenerla?

Esiste un modello ufficiale di credenziale distribuita e accettata dall’Ufficio dei Pellegrinaggi della Diocesi di Santiago. Il pellegrino la può richiederla presso questo ufficio (situato nella zona della cattedrale compostelana, nella Rúa do Vilar, 1-3) o in altre istituzioni autorizzate dalla cattedrale di Santiago per la sua distribuzione, come parrocchie, associazioni di amici dal Cammino di Santiago, ostelli per pellegrini, confraternite, eccetera. Presso le associazioni degli amici si può richiedere fino ad un mese di anticipo presentando il DNI. Normalmente la consegna è istantanea. Se al momento di iniziare il pellegrinaggio il viandante non è riuscito ad ottenere nessuna credenziale, normalmente la fornisce il primo ostello presso il quale alloggia o qualche ufficio del turismo dei punti chiave di partenza del percorso giacobeo. In questa guida si specifica in quali nuclei si può comprare e in quali, invece, non è possibile. Il prezzo della credenziale del Cammino di Santiago oscilla tra i 50 centesimi e i 2 euro, anche se in alcuni casi si chiede solo un’offerta volontaria.

Anche fuori dalla Spagna esistono diverse associazioni collegate al pellegrinaggio che sono state autorizzare a distribuire le proprie credenziali. Si può consultare qui l’elenco completo.

Indispensabile per gli ostelli

La credenziale, documento composto da 14 pagine e della grandezza di 16 per 19 centimetri, identifica il pellegrino ma non gli concede diritti. Ha due scopi pratici: quello di permettere l’alloggio presso gli ostelli e la funzione di accreditazione per richiedere la Compostela una volta giunti a Santiago. Inoltre permette di accedere ai menù per pellegrini che si offrono in molti ristoranti dei diversi itinerari giacobei, soprattutto in quello francese, e agli sconti che diversi alloggi riservano loro e ai quali potranno accedere esclusivamente presentando la credenziale.

Continuare il Cammino fino a Fisterra

I pellegrini che decidono di proseguire fino a Fisterra o Muxía e che dispongono ancora di spazio libero sulla loro credenziale potranno continuare a collezionare timbri su questo documento. Tuttavia, i viandanti la cui credenziale sia già completa e che desiderano ottenerne un’altra per proseguire il cammino verso una di queste due località costiere (sia a Fisterra che a Muxía il Comune rilascia un documento che accredita di aver effettuato tali percorsi) potranno ottenere un altro documento presso l’Ufficio Informazioni del Pellegrino, dipendente dallo Xacobeo, che condivide lo spazio con l’Ufficio del Turismo di Santiago (Rúa do Vilar, 30-32; (+34) 902 332 010)

Credenzialeuniversitaria

Insieme alla credenziale ufficiale, esiste un altro documento valido che permette di ottenere la Compostela una volta giunti a Santiago. Si tratta della credenziale universitaria giacobea, un modello emesso dall’Università della Navarra e che appartiene ad un’iniziativa avviata nell’anno 2002 allo scopo di diffondere il Cammino di Santiago tra gli universitari a scala internazionale.

L’accreditazione universitaria si può richiedere tramite Internet o, nel caso in cui ci si trovi a Pamplona, si può ritirare presso l’edificio centrale dell’Università della Navarra. Si richiede che i pellegrini, insieme ai timbri che il resto dei viandanti stampano sulla credenziale classica, timbrino questo documento presso le università che trovano durante il loro cammino. In tal modo, una volta giunto a Santiago, il viandante otterrà, insieme alla Compostela tradizionale, il certificato giacobeo universitario (la Compostela universitaria), che certifica di aver effettuato il pellegrinaggio giacobeo universitario. La condizione sarà di aver completato il tratto spagnolo dell’itinerario giacobeo scelto.

Per ottenere la Compostela universitaria il pellegrino dovrà inviare per posta ordinaria o per email, oppure presentare all’Ufficio dell’Alunno (edificio centrale del Campus Universitario di Pamplona), l’originale o una fotocopia della credenziale universitaria con i timbri delle università, i timbri abituali del Cammino, quello dell’università di provenienza del pellegrino e quello dell’Ufficio del Pellegrino presso il quale si ritira la Compostela alla fine del tragitto. Dopo aver ricevuto la documentazione, l’Università della Navarra invierà il certificato giacobeo universitario al domicilio del viandante.

Credenziale digitale del Camino de Santiago

Durante questo 2020, il Camino de Santiago è stato fortemente influenzato da COVID-19, come è successo in tutte le parti del mondo. Il numero di pellegrini giunti nella città di Compostela in questi mesi è stato notevolmente inferiore rispetto agli altri anni. Per quello che le autorità hanno cercato - e continuano a cercare - nuovi modi per continuare con lo spirito di pellegrino in sicurezza di fronte a questa nuova situazione.

È stato così che è previsto per il prossimo gennaio che tutti i pellegrini che compiono il Camino de Santiago possano registrare il loro percorso in una nuova "credenziale digitale" attraverso un'applicazione mobile, invece di utilizzare quella tradizionale su carta. Questa nuova applicazione consentirà una maggiore agilità nella gestione dei camminatori ed eviterà i contatti tra i pellegrini.

La nuova digitalizzazione del processo di pellegrinaggio si aggiunge ad altri progressi recentemente compiuti dall'Ufficio del Pellegrino, per ottenere una gestione più agile delle compostele di accreditamento del Cammino di Santiago.

Si tratta di un sistema online con QR che consente ai pellegrini di fare la fila online per ritirare la loro compostela, con un tempo stimato per la loro attenzione. Grazie a questa gestione è stato possibile eliminare le lunghe file di deambulanti per il ritiro del documento. Inoltre sono state realizzate anche altre novità; La Cattedrale ha fatto un registro dei pellegrini per anticipare il loro arrivo a Santiago e accelerare così il processo di cura.

L'ultimo passaggio di questo processo digitale è la creazione di un'applicazione mobile per la compilazione di una “credenziale digitale”, nella quale si possono aggiungere tutti i luoghi che il pellegrino ha visitato. Questo progetto includerà un sito web ufficiale dove le strutture che timbrano le credenziali potranno registrarsi per digitalizzare la loro immagine e ottenere un codice QR in modo che i pellegrini possano inserirlo nelle loro credenziali.

Il Direttore del Turismo ha chiarito durante un evento tenutosi martedì scorso a Santiago, che questo nuovo strumento offre comfort e maggiore sicurezza ai pellegrini. Ha anche evidenziato l'impegno di Xunta nell'utilizzo di nuove tecnologie sulle rotte giacobine, con piattaforme come la prenotazione di ostelli pubblici.

La Voz de Galicia La Voz de Asturias

© Copyright LA VOZ DE GALICIA S.A. Polígono de Sabón, Arteixo, A CORUÑA (ESPAÑA) Inscrita en el Registro Mercantil de A Coruña en el Tomo 2438 del Archivo, Sección General, a los folios 91 y siguientes, hoja C-2141. CIF: A-15000649

Developed and managed by Hyliacom